Omega 3 nello Sport

Omega 3 nello Sport

fit-im-sport

Gli Omega 3 nello Sport migliorano le performance sportive.

Producono, infatti, diversi effetti positivi. Innanzitutto attenua l’ansia e riduce i tempi di reazione, come dimostra uno studio italiano pubblicato sulla rivista European Journal of Clinical Investigation dai ricercatori dell’Università di Siena.

Aumento delle capacità cognitive e fisiche

Gli autori hanno chiesto ad alcuni atleti di assumere per 35 giorni l’olio di pesce, che è ricco di acidi grassi omega-3, o un placebo (olio d’oliva). Al termine di questo periodo, li hanno sottoposti a una serie di test diretti a valutarne le capacità cognitive e fisiche.

L’esperimento ha dimostrato che gli omega-3 avevano migliorato le prestazioni degli sportivi, che mostravano tempi di reazione inferiori rispetto ai membri del gruppo di controllo. Ma non è tutto. Gli acidi grassi avevano influito positivamente anche sull’umore dei partecipanti, che risultavano più energici e meno ansiosi, depressi o aggressivi. Secondo gli esperti, dunque, gli omega-3 potrebbero migliorare le performance degli atleti impegnati nei giochi di squadra (come calcio, basket, rugby, pallavolo e hockey). Ma potrebbero anche rendere più competitivo chi pratica uno sport individuale (come il tennis) o di combattimento (come pugilato, karate e judo), dove risulta fondamentale mantenere la calma.

Rapidità di recupero dopo un infortunio sportivo

Un altro studio, pubblicato sul Journal of the American College of Nutrition, ha rilevato che gli acidi grassi favoriscono il recupero dopo un infortunio sportivo. Il dottor Morten Bryhn, ricercatore presso la clinica Silentia di Oslo (Norvezia), ha infatti osservato che l’elevata presenza nel cervello dell’omega-3 acido docosaesaenoico (Dha) – che costituisce il 30% dei grassi cerebrali -, facilita la guarigione dopo un trauma cerebrale. Inoltre, ostacola la formazione di danni a lungo termine.

Aumento del diametro dei capillari.

L’assunzione regolare di omega-3, se associata a una corretta alimentazione, può anche determinare l’accrescimento del diametro dei capillari. Ad affermarlo, nel libro: “The anti-inflammation zone”, è il dottor Barry Sears, che ha dedicato la vita a studiare gli effetti dell’infiammazione sull’organismo. Secondo lo studioso, le maggiori dimensioni dei capillari consentono un aumento del flusso sanguigno ai muscoli coinvolti nell’impegno fisico. Questo accresce la produzione aerobica dell’ATP (adenosintrifosfato), considerata la “benzina” dei muscoli. Pertanto, secondo l’esperto, gli acidi grassi potrebbero migliorare le prestazioni di chi pratica le discipline di endurance, come il ciclismo e la corsa. Ma gli effetti benefici non finiscono qui. Avere capillari più grandi può aiutare gli sportivi obbligato a sospendere l’allenamento per brevi periodi, a non vanificare i traguardi raggiunti.

Riduzione del Decadimento Muscolare

Stando a degli studi condotti recentemente dall’Università di Aberdeen, l’olio di pesce sarebbe l’ideale per contrastare il decadimento muscolare e migliorare la salute dell’organismo.

Il segreto dell’olio di pesce è la presenza di acidi grassi omega-3, sostanze in grado di accrescere la massa muscolare di coloro che si sottopongono ad un allenamento più o meno intenso e di preservare dal catabolismo muscolare le persone anziane o comunque poco inclini all’attività fisica. Per godere appieno dei vantaggi dell’olio di pesce, sarebbe bene combinarne l’assunzione ad un’attività fisica regolare.